Legge europea, sì definitivo dalla Camera
Beatrice Masserini Nessun commento

L’Aula della Camera ha definitivamente approvato con voti 247 favorevoli e 72 contrari (44 gli astenuti) il Disegno Di Legge con le «Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea – Legge europea 2017».

Il DDL contiene una serie di norme di carattere eterogeneo cha riguardano, tra l’altro, la libera circolazione delle merci, giustizia e sicurezza, fiscalità, lavoro, tutela della salute e dell’ambiente, le telecomunicazioni (roaming UE).

La Legge europea di quest’anno consente, in particolare, la definizione di tre procedure di infrazione, riducendole a 66 dalle 121 di inizio 2014, ed una serie di casi EU-Pilot (richieste di informazione agli Stati che possono prevenire possibili procedure d’infrazione).

Il provvedimento è tornato alla Camera dove sono state confermate, in particolare, le correzioni apportate dal Senato a due articoli, riguardanti le informazioni in etichettature sui prodotti alimentari riguardanti le caseine ed il monitoraggio dello stato delle acque.

Arriva riforma agevolazioni energivori

La legge introduce, tra l’altro, la riforma delle agevolazioni sui costi elettrici per le industrie energivore. Il nuovo meccanismo, sul quale la Commissione UE si è già espressa favorevolmente, entrerà in vigore dal 2018 a seguito dei criteri basati su valore aggiunto e internazionalizzazione che fisserà il Ministero dello Sviluppo Economico entro 30 giorni dall’approvazione definitiva della norma.

Le risorse derivanti dal riordino complessivo del sistema delle agevolazioni sugli energivori e degli oneri da rinnovabili, per gli anni 2018-2020 sono destinate, per un minimo del 50% alla riduzione diretta delle tariffe a carico delle famiglie e delle imprese non energivore. È, inoltre, previsto l’avvio di un negoziato con l’UE per rivedere le norme sul trattamento fiscale relativo ai cosiddetti “gasivori”.

Paletti ai rimborsi delle imposte non dovute

Le tre procedure di infrazione cui l’Italia dà una risposta attraverso la Legge europea 2017 riguardano l’indennizzo delle vittime di reati intenzionali violenti, il recepimento della direttiva del 2015 relativa alle caseine e ai caseinati destinati all’alimentazione umana e i rimborsi Iva (è previsto dal 2018 un ristoro delle spese sostenute per il rilascio della eventuale garanzia richiesta a fronte delle somme erogate).

Non è, inoltre, valida la domanda di restituzione di un’imposta non dovuta presentata a due anni dal versamento (o dal giorno in cui si verifica il presupposto per la restituzione). Il rimborso viene escluso anche in caso di versamenti effettuati in un ambito di frode fiscale.

Agcom potrà richiedere rimozione immediata dal web

Il testo amplia, inoltre, i poteri dell’Agcom nel contrasto della pirateria sulla rete. In particolare, l’Autorità potrà intervenire sulle piattaforme elettroniche per ordinare in via cautelare di porre fine immediatamente alle violazioni del diritto d’autore e di porre misure per impedire la reiterazione degli illeciti.

In base alla nuova disciplina, in Italia si sperimenta la “notice and stay down”, e le piattaforme dovranno rimuovere i contenuti illeciti ed impedirne la riproposizione.