Sottoscritto il 22 dicembre 2015 il nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro degli impianti e delle attività sportive profit e no profit
Beatrice Masserini Nessun commento

Il 22 dicembre u.s. la Confederazione Italiana dello Sport-Confcommercio imprese per l’Italia, rappresentata dal suo Presidente Avv. Luca Stevanato, con la partecipazione di Confcommercio Milano, di Confcommercio Roma e con l’assistenza tecnica della Confcommercio Imprese per l’Italia e la SLC-CGIL, la FISASCAT–CISL e la UILCOM-UIL, hanno sottoscritto il nuovo CCNL per i dipendenti del mondo sportivo.

Tale documento non è un accordo di rinnovo del precedente testo contrattuale, bensì un nuovo contratto che definisce ex novo la disciplina dei rapporti i lavoro per i dipendenti degli impianti e delle attività sportive profit e no  profit, adeguando gli istituti contrattuali alle novità legislative intervenute nell’ultimo decennio e alle esigenze effettive del settore che necessitava di una maggiore flessibilità a sostegno di forme di occupazioni stabili e coerenti con il contesto di riferimento.

Il welfare contrattuale diventa, quindi, realtà per i 200mila dipendenti degli impianti e delle attività sportive profit e no profit dove operano oltre un milione e mezzo di addetti.

Nuovo sistema di classificazione del personale

Attenzione particolare è stata data alle qualifiche professionali di natura strettamente sportiva, dando così risposte contrattuali a un tema sempre più bisognoso di definizioni e declaratorie coerenti e pienamente aderenti alle regole che sono alla base della normativa nazionale europea ed internazionale in materia. In tale contesto si è voluto dare specifico risalto al Sistema Nazionale di Qualifiche dei Tecnici Sportivi (SNaQ) elaborato dal CONI e dalla Scuola dello Sport.

Apprendistato

Il CCNL introduce e disciplina l’apprendistato al fine di consentire un inserimento dei giovani con un significativo contenuto formativo

 

Stagionalità

Previsto il riconoscimento della stagionalità per il settore (chiusura continuativa minima di 60 giorni) con positive ricadute sugli istituti del mercato del lavoro, quali ad esempio il contratto a tempo determinato

 

Flessibilità dell’orario di lavoro

Riconosciute le specificità del settore e introdotto l’orario plurisettimanale

Assistenza sanitaria Integrativa

Introdotta una forma di assistenza sanitaria integrativa a favore dei lavoratori del settore che aderiranno al Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori del settore terziario, distribuzione e servizi (Fondo EST) a parità di contribuzione.

Periodo di Prova

Al fine di garantire maggiore serenità al lavoratore e al datore di lavoro nelle scelte di assunzione a tempo indeterminato, è stato aumentato il periodo di prova, affinché la scelta definitiva che dovrà essere maturata dal lavoratore e dal datore di lavoro sia più consapevole e maturata.

Queste le maggiori novità presenti nel CCNL sottoscritto il 22 dicembre 2015.

La Confederazione dello Sport è l’Associazione di categoria del mondo sportivo che rappresenta gli interessi degli imprenditori sportivi, dei gestori e degli operatori di attività sportive, del tempo libero, del benessere e delle attività ludico-ricreative e dei gestori degli impianti sportivi e dei lavoratori autonomi sportivi. Si pone quale punto di riferimento e di rappresentanza in grado di coniugare le esigenze dell’imprenditoria sportiva e degli operatori nel settore no profit.

Soci fondatori della Confederazione sono la Federazione Italiana Imprenditori Sportivi (F.I.I.S.) e l’Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal C.O.N.I. – Attività Sportive Confederate (A.S.C.), che rappresentano, a livello nazionale, le esigenze di diverse categorie di operatori sportivi.

Il nuovo CCNL Sport con decorrenza 22.12.2015-.31.12.2018 è a disposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *